paura-cane

Capodanno senza botti

Le ultime ore del 2016 fanno spazio al nuovo anno e tutti noi siamo pronti ad accogliere il 2017 pieni di speranze, buoni propositi e sogni da realizzare.

Cosa aspettarsi dal Nuovo Anno? Sicuramente la possibilità di godersi ogni giorno con il nostro peloso! E come tutti i veri petlover, il nostro augurio è che questo Capodanno sia libero dal fardello dei botti, usanza ancora troppo presente in tutte le regioni del Paese.

botti

Si stima che ogni anno a causa dei botti centinaia di animali siano vittime di incidenti, smarrimenti e patologie con cui dovranno convivere per il resto della loro vita.

Se l’uomo ha un udito con una percezione compresa tra le frequenze denominate infrasuoni, intorno ai 15 hertz, e quelle denominate ultrasuoni, sopra i 15.000 hertz, i cani e gatti, invece, dimostrano facoltà uditive di gran lunga superiori: il cane fino a circa 60.000 hertz mentre il gatto fino a 70.000 hertz.

img-cane-gattoQuesto significa che lo scoppio di un botto è capace di spaventare a morte i nostri pelosi. Come fare per cercare di ridurre al minino tali effetti o incidenti?

Innanzitutto crediamo che le istituzioni comunali e regionali debbano vietare in maniera assoluta l’uso dei botti nelle città italiane prevedendo sanzioni esemplari per i trasgressori.

Per noi che viviamo con i nostri amati pelosi ecco alcuni consigli per vivere al meglio la notte più lunga dell’anno senza problemi:

  • Non lasciare mai il cane all’aperto, preferire invece stanze piccole, magari lontane dalla strada o da zone dove qualcuno può sparare petardi.
  • E’ preferibile non lasciare l’animale da solo, ma se proprio non si può fare diversamente, rendere “viva” la stanza con un po’ di musica o televisione a basso volume e lasciare accesa la luce.
  • Se si è in casa, evitiamo di rassicurare cani e gatti ad ogni rumore coccolandoli: quello che per noi è un gesto di affetto provoca nel nostro peloso l’effetto contrario poiché suggerisce che c’è qualcosa che non va. Meglio continuare a chiacchierare normalmente sempre tenendo d’occhio i suoi movimenti.
  • Se l’animale si agita troppo o è anziano con problemi di natura cardiaca, farsi prescrivere dal veterinario dei fiori di bach, un rimedio naturale che potrete iniziare a somministrare al vostro peloso anche qualche giorno prima del 31 dicembre per favorire il rilassamento.

paura-k5hg-u10602740526323jab-700x394lastampa-it

Come diciamo noi di PetMe si può festeggiare responsabilmente e nel pieno divertimento senza per questo nuocere alla salute dei nostri animali, ma anche di persone anziane o con problemi cardiaci.

Cari petlover per voi l’augurio più grande e sincero per un 2017 pieno di soddisfazioni e gioie in compagnia dei vostri pelosi, e con noi sempre pronti a prendercene cura quando voi non potete!

Buon Anno 🙂

l_4dd8

 

shutterstock_540218038

Il tuo peloso si trasferisce dal pet sitter, cosa devi sapere?

Ed eccoci di nuovo pronti a goderci le vacanze di Natale! Tutto pronto per festeggiare o in famiglia o con un viaggio di quelli indimenticabili. Abbiamo organizzato tutto, anche la trasferta del nostro peloso a casa del suo pet sitter … ma ora l’ansia ci assale.

Come starà il nostro piccolo? Sentirà la nostra mancanza? Come possiamo fare per farlo sentire meno solo?

shutterstock_335021240-1

E’ vero, abbiamo scelto di affidarlo ad un pet sitter perchè, dovendo partire, non poteva venire con noi, ma ora ci chiediamo come organizzare al meglio il suo soggiorno: ecco alcuni semplici ma preziosi suggerimenti per voi.

IL SUO BAGAGLIO: Mancano pochi giorni alla partenza del tuo tesoro a quattro zampe. Cosa mettere nella sua borsetta da viaggio? Innanzitutto il suo cibo: solo tu sai cosa mangia, quindi sarai a tu a provvedere alla sua alimentazione. La sua copertina, non solo per stare al caldo, ma perchè è il legame con la sua casa. I suoi giochini, ma attenzione a che non vi siano altri cani … i giochini, si sa, possono far scoppiare liti tra cani! Eventuali medicinali, qualora il tuo peloso ne abbia bisogno.

shutterstock_350309384 (1)

COSA RICORDARE AL TUO PET SITTER: Prima del giorno della trasferta chiama il tuo pet sitter oppure torna a casa sua, magari con il tuo peloso. Ricordagli i tempi della pappa, come preferisce giocare il tuo animale e accertati di quali ospiti pelosi saranno insieme a lui. Se il tuo quattrozampe non è socievole preferisci una casa dove sia l’unico ospite peloso. Ricorda di consegnare il libretto sanitario e fornire indicazioni su eventuali medicinali da somministrare al tuo amico fedele. 

FOTO FOTO FOTO: Ogni pet sitter che si prende cura di un animale deve aggiornare il proprietario sullo stato del piccolo. Non avere quindi remore a richiedere aggiornamenti con foto e video: sapere che il tuo amore a quattro zampe sta bene ed è sereno è di grande importanza per garantire anche a te una vacanza tranquilla.

shutterstock_266552729

Quando andrai a portare il tuo peloso dal pet sitter sentirai un nodo in gola, noi di PetMe lo sappiamo bene. Non preoccuparti, è l’amore immenso che provi per lui che ti gioca questi scherzi. Abbraccialo forte e sussurragli che tornerai presto da lui …. parti sereno, lui sarà in ottime mani! 

BUON NATALE!

 

shutterstock_536678806

Brrr… che freddo! Come ripariamo i nostri animali dal gelo?

Con la stagione invernale arrivano i primi freddi e i nostri animali, proprio come noi, possono risentire del calo delle temperature. In particolar modo i cani di piccola taglia, gli animali che vivono all’aperto, che dovrebbero sempre avere un rifugio caldo e sicuro, e gli animali più anziani, quindi più esposti a malanni e problemi di salute.

shutterstock_335021240-1

Ecco allora alcuni semplici ma preziosi consigli per garantire ai vostri pelosi un ottimo riparo dalle insidie del freddo e vivere serenamente con loro la stagione invernale.

ALIMENTAZIONE: è davvero importante! Come noi, anche gli animali hanno bisogno di un maggiore apporto calorico per sopportare le basse temperature, pertanto è preferibile scegliere un’alimentazione ricca di nutrienti, grassi e proteine.

shutterstock_535185079

LA CUCCIA: un riparo caldo per gli animali che vivono all’aperto. La cuccia deve essere sempre posta a qualche centimentro da terra e rivestita con coperte o vecchi maglioni che ne preservino il calore. Raccomandiamo di cambiare i materiali dopo episodi di pioggia e porre la cuccia sempre in posizione opposta al vento.

shutterstock_533010070

IL FREDDO DELLA NOTTE UCCIDE: Mai lasciare il proprio animale fuori durante la notte. Le temperature sono davvero rigide e per i più anziani c’è il serio rischio di morte o malattie che possono diventare croniche.

shutterstock_445966309

ACQUA SEMPRE NUOVA: se la ciotola dell’acqua per il vostro peloso è posta al di fuori della casa, cambiatela spesso per evitare che congeli e preferite una ciotola di plastica a quella di metallo.

IN MACCHINA DA SOLO, MAI!: così come in estate, anche in inverno la macchina può diventare una trappola per il nostro peloso. Può infatti trasformarsi in un frigorifero causando ipotermia e congelamento.

shutterstock_536678806GIOCHI SULLA NEVE, MA ATTENZIONE: i cani si divertono sulla neve insieme a noi, ma attenzione… la neve potrebbe inibire la loro capacità sensoriale facendo perdere gli odori, quindi rischiando di smarrirsi. Pertanto evitate di portare sulla neve cani molto giovani o tendenti alle fughe!

AUTOMOBILE, CHE CALORE: solitamente sono i nostri amici felini che scelgono di riscaldarsi sotto le auto, sfruttando il calore del motore. Attenzione quindi a partire senza aver prima controllato se nella nostra auto non ci sia qualche ospite peloso. Diamo loro il tempo di allontanarsi e via, partiamo per andare al lavoro!

shutterstock_536569327