Tutti gli articoli di petme

cane e calore

Razze pericolose, cosa accade in Olanda?

Razze pericolose, quante volte ne abbiamo sentito parlare? Una lista decisamente lunga e che sempre di più richiede attenzione e cura del cane. Partiamo da un presupposto, non ci sono cani cattivi, ci sono solo razze che possono divetare più aggressive, ovviamente se stuzzicate o gestite con superficialità.

maxresdefaultDa noi è oramai obbligatorio l’uso del patentino, mentre in altri paesi si prendono misure più drastiche, come ad esempio in Olanda, dove si sta pensando seriamente di mettere al bando Pitbull Terrier, Rottweileer e i Pastori Caucasicim ritenuti pericolosi.

Dal prossimo anno infatti, i proprietari di circa una ventina di razze e dei diversi incroci di Pitbull dovranno sottoporsi ad una procedura obbligatoria, se desiderosi di  tenere con loro i cani: lo stato olandese ritiene infatti queste razze molto pericolose e predisposte alla violenza

razze-di-cani-pericolose-e1469091237671E’ in via di sviluppo anche un registro centrale in cui annotare tutti gli incidenti causati da cani, nonché una linea verde attiva sempre per segnalare la presenza di cani pericolosi in aree cittadine oppure proprietari che non li tengono in maniera sicura.

L’iniziativa ha creato molto scompiglio tra gli allevatori di cani, ma è soprattutto l’organizzazione no profit Dutch Animal Protection Charity Dierenbescherming che ha fatto sentire la sua voce attraverso una nota: “Non possiamo negare che il problema delle aggressioni esista. I canili sono pieni di cani, molti dei quali sono Pitbull e razze simili. Si tratta di cani che vengono spesso comprati d’impulso e che poi non sono stati addestrati correttamente”.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Come scritto, noi crediamo che non vi siano cani cattivi, semplicemente razze con cui occorre esperienza e buonsenso per una corretta gestione che eviti incidenti e problemi nella convivenza quotidiana.

 

cucciolo-cane-foto

Un nuovo membro in famiglia

Voglio un cucciolo! esclama il vostro bambino, entusiasta all’idea di avere un fratellino a quattro zampe con cui giocare.

Regaliamole un cucciolo per il compleanno, quando volete sorprendere chi amate con un dono inaspettato.

Labrador retriever with leash  is waiting for walk.

Ma la verità è che quando si decide di accogliere in casa un animale non si dovrebbe mai farlo d’iistinto: allargare la famiglia con un amico a quattro zampe richiede una profonda riflessione, che investe innanzitutto voi, il vostro tempo e la capacità di mantenere fede ad una promessa. Sì, perchè quando si prende un animale gli si promette amore eterno e costante dedizione.

Un animale è un impegno, partiamo da questo assunto. Una rivoluzione simile a quella dell’arrivo di un bambino e non ci si può permettere di stancarsi per poi abbandonarlo.

Chiedetevi quindi se siete davvero pronti.

cucciolo-cane-fotoSarete in grado di trascorrere abbastanza tempo con il vostro cane? Quando sono cuccioli, i cani soprattutto hanno bisogno della vostra costante presenza. Dovranno imparare a fare i bisogni fuori di casa, dovranno socializzare e giocare.

Una volta cresciuti potranno rimanere in casa da soli anche per cinque o sei ore senza stressarsi, ma dovranno poi necessariamente uscire per una passeggiata e per i bisogni. Se lavorate a tempo pieno o la distanza dal lavoro richiede qualche ora in macchina vi converrà affidarvi ad un dog sitter che assicuri al vostro peloso la passeggiata quotidiana.

DOG

Non pensare ad una soluzione del genere porterà il vostro peloso a soffrire di noia e depressione: ricordate sempre che il cane è un animale sociale!

Esercizio fisico? Sì, ogni giorno!

cagnolino_corre_felice-620x350

Ogni cane deve fare almeno una corsa e due passeggiate al giorno.

Se i gatti se la cavano senza problemi rimanendo sempre a casa, esercitandosi da soli, il cane invece necessita di esercizio fisico regolare e sempre sotto la supervisione del proprietario, anche per evitare possibili problemi con altre persone o altri cani.

Fratelli bipedi, il segreto di una perfetta convivenza

wanderung-mit-hundAvete già dei figli o stanno per arrivare? Fate in modo che l’introduzione di nuovi membri sia graduale e ragionata, per evitare gelosie o convivenze difficili. Se ad esempio arriva un bambino provate a portare a casa dall’ospedale un berrettino o una tutina così che il vostro peloso ne impari l’odore e non viva l’arrivo del piccolo in casa come intrusione nell’ambiente domestico. Se invece avete già dei bambini e il nuovo arrivato ha quattro zampe, insegnate ai vostri piccoli che non si tratta di un giocattolo e pian piano, educateli a prendersi cura del cucciolo con passeggiate e somministrazione di cibo.

Educazione? Sì, grazie!

Anche il cucciolo più mansueto potrebbe avere problemi di comportamento e socializzazione. Affidatevi ad un educatore esperto che possa insegnargli i comandi di base. Un cane educato è un ottimo compagno di vita. Se invece sottovaluterete questo aspetto nel giro di poco vi ritroverete succubi del vostro animale rischiando così di avere il desiderio di disfarvene.

Siete pronti a gestire tutto questo? Oltre all’impegno fisico e psicologico non sottovalutate mai quello economico, pertanto quando vorrete prendere un animale con voi fermatevi a riflettere e fate la scelta giusta.

… Inutile dirvi che se sceglierete di avere un animale nella vostra vita preparatevi ad un’esistenza piena di gioia e colori!

shutterstock_148872464

FORASACCHI-2

Primavera. Caldo, sole e… forasacchi!

Abbiamo già visto insieme a voi i pericoli che la bella stagione nasconde per i nostri pelosi. La primavera fa rima con passeggiate e primi soli, ma anche con zecche, pulci e forasacchi, pericolose spighette di graminacee che possono davvero arrecare danni al nostro amico fedele. 

forasacchi_cani_pericolo

Lunghe circa 3 cm al massimo, quando sono verdi non rappresentano un pericolo, ma seccandosi durante l’estate diventano due e acuminate, quindi dannose. I forasacchi si trovano soprattutto in campagna, ma anche in città, nelle aree verdi e giardini.

Quando uscite con il vostro peloso, soprattutto se ha un pelo lungo e fitto, prestate molta attenzione perché in pochi minuti potrebbero essere vittime dei forasacchi, che pian piano possono migrare verso la cute o, peggio, verso gli orifizi con conseguenze poco piacevoli.

forasacco

Nello specifico, queste fastidiose spighe possono danneggiare diverse parti del corpo del nostro peloso con diverse conseguenze.

Innanzitutto la cute. Una volta attaccato l’animale, il forasacco penetra dando luogo a un iniziale rossore cutaneo e successivamente potremmo notare la fuoriuscita di un materiale purulento.

Dalla cute il forasacco può continuare il suo cammino verso gli strati muscolari: il nostro peloso sentirà dolore e lo vedremo leccare costantemente l’area della puntura.

foraLe orecchie sono un altro punto debole e una volta che il forasacco le attacca il nostro cane inizierà a grattarsele con veemenza. Se non interveniamo tempestivamente rischieremo il perforamento del timpano!

E che dire del naso? Mentre il nostro peloso fiuta il terreno potrebbe inspirare un forasacco e iniziare quindi a starnutire, che non sempre aiuta ad espellere la fastidiosa spiga, ma a volte ne favorisce il cammino in profondità, tanto da arrivare alla gola e ingerirla.

Se il forasacco colpisce gli occhi il nostro peloso avvertirà dolore e lacrimazione, in casi più gravi una forte congiuntivite! Tenete presente che il suo istinto sarà quello di grattarsi con le unghie… non permettete che avvenga, perché potrebbe arrivare a perforarsi la cornea!

E allora, come evitare i forasacchi? Come difendersi?

Certo, l’ideale sarebbe evitare gli spazi aperti ma davvero dobbiamo rinunciare alla nostra passeggiata? Tenere il nostro cane in casa non è pensabile.

L’unica soluzione è recarsi sempre e tempestivamente dal veterinario. Non possiamo costringere i nostri cani a rimanere in casa o andare in giro con le orecchie fasciate, dobbiamo continuare a vivere le nostre passeggiate insieme con tranquillità ma allo stesso tempo con occhi bene aperti e sempre pronti ad andare dal veterinario.

FORASACCHI-2Dopo la passeggiata controlliamo il nostro amico fedele, cute, orecchie e occhi e spazzoliamolo più spesso, così da prevenire la presenza di forasacchi.

Non rinunciamo a vivere le nostre giornate con i nostri pelosi, ma occhi aperti a quello che la natura offre… come vedete, non è tutto oro quello che luccica!