Iris e Thula, l’amore che fa bene tra una bambina ed una gatta

Tempo fa avevamo letto di una storia bellissima, quella di Iris e Thula.

iris e thula

La prima, una bambina di circa 4 anni affetta da autismo, la seconda, una gatta meravigliosa, che aveva trovato in Iris una sorellina a due gambe. Sin dalla nascita Iris viveva in un mondo tutto suo, che riusciva ad esprimere solo attraverso i suoi dipinti e la sua musica; il silenzio la caratterizzava e la teneva lontana dalla realtà, nonchè dal mondo in cui tutti i bambini dovrebbero stare, quello dei giochi e della socialità con altri bimbi.

Anche l’immenso amore dei genitori non bastava a curarla, per cui un giorno è arrivata Thula, una gatta vispa e vivace, che pian piano è diventata la sorellina pelosa di Iris. Un rapporto magico, fatto di parole non dette ma comprese, di sguardi di complicità e di cura reciproca: se Thula aveva trovato una famiglia, Iris aveva trovato una sorella capace di curarla e tirarla fuori da quel suo mondo alienato.

Iris e Thula rappresentano un’ennesima storia di pet therapy e, se volessimo descriverla in maniera meno scientifica, di amore incondizionato. La vicinanza di un animale è per ogni bambino fonte di crescita e sviluppo, in primis emozionale. Le ultime ricerche  pubblicate da Centers for Disease Control and Prevention (Organismo di controllo nella sanità pubblica in Usa) dimostrano che un animale riduce enormemente lo stress e l’ansia nei bambini, in particolar modo in quelli affetti da autismo. La presenza di un animale domestico aiuta il bambino a diventare un adulto equilibrato e con uno spiccato senso della tolleranza e dell’altruismo.

L’animale rappresenta l’altro, il diverso e come tale, favorisce nel bambino l’accettazione di chiunque sia differente da lui.

Al di là degli studi e delle ricerche, informazioni fondamentali per l’applicazione della terapia assistita con animali in un numero sempre più crescente di strutture ospedaliere nel nostro Paese, ciò che oggi è innegabile è il quotidiano benessere che un animale riesce a garantire a noi esseri umani non per forza colpiti da patologie.

Pensate a quando torniamo alla sera stanchi dopo una giornata stressante: l’idea di un peloso che ci attende e al nostro rientro ci accoglie tra le sue zampe, ci riempie di gioia. Che siano fusa o dolci scodinzolate, i nostri amici a quattro zampe sono il miglior antidoto per combattere l’ansia e regalarci un sorriso sereno.

Una casa senza animali è sicuramente una casa più pulita e ordinata … ma vi siete mai chiesti quanto sarebbe vuota e noiosa?

thula

Condividi :-)

Commenti